Il giorno in cui Facebook arrivò nel condominio Ariosto

LINK AD AMAZON

Ironico, divertente, dissacrante, istruttivo.
Così si può definire questo delizioso racconto di Marisa Saccon, profonda conoscitrice dell’animo umano in grado di trivellare menti ottenebrate dal fenomeno Facebook.
Un giorno, il mitico social arriva anche nel condominio Ariosto e tutti gli abitanti si creano un profilo. Ognuno, a modo suo, entra così in quella dimensione del virtuale, dove si intrecceranno anche in modo grottesco, alcuni destini: Marcello conoscerà meglio le donne del palazzo compresa la moglie; Paola cercherà il riflesso di una immagine perfetta che non riesce a trovare nel mondo reale: l’Ingegner Florindo combatterà finalmente tutte le sue nobili cause.
L’unico rumore reale a fare da sottofondo a tutto questo movimento virtuale, sarà l’eco dei passi, sulle scale, di Vad, il meccanico dell’ultimo piano, l’unico a non avere il computer. La sera gli piace fermarsi nei pianerottoli bui dove attardarsi per rubare lembi di intimità e ascoltare i rumori provenienti dagli altri appartamenti, mentre sono tutti impegnati a navigare nei loro mondi virtuali, a creare relazioni, a fare salotto, a giocare agli intellettuali. Qualcuno ha detto che chi non ha un profilo Facebook è come fosse morto. Eppure Vad è vivo!
Questo breve romanzo offre uno spunto di riflessione su quelle che sono le implicazioni del virtuale nel reale e su come si sono trasformate le relazioni umane con i social network. In meglio o in peggio? Scopritelo voi. Questa opera letteraria è in vendita su Amazon in versione ebook e carta. Per leggere l’anteprima e acquistarlo, clicca sul carrello Amazon

 

Prezzo: €2,99